CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI CHIMENTO ORO S.r.l.

1.
VALIDITA’ E DIRITTO DI MODIFICA
Tutti i contratti conclusi tra CHIMENTO ORO S.r.l. (“FORNITORE”) e l’acquirente, sia esso rivenditore o cliente finale (“ACQUIRENTE”), aventi
ad oggetto la fornitura dei prodotti del fornitore (“PRODOTTI”) saranno disciplinati dalle presenti Condizioni Generali di Vendita. L’Acquirente-Consumatore
riconosce al fornitore il potere di proporre modifiche e/o variazioni alle Presenti Condizioni Generali di Vendita, allegando tali modifiche e variazioni alle offert
qualsivoglia corrispondenza scritta inviata all’Acquirente-Consumatore il quale, in difetto di suo espresso dissenso alle modificazioni-variazioni da esprimersi
entro sette giorni dalla ricezione con raccomandata con ricevuta di ricezione, dichiara di intendere accettate le modificazioni-variazioni.
2.
TERMINI DI PAGAMENTO
L’Acquirente-Consumatore riconosce che, salvo diverso accordo scritto tra le parti, si applicheranno i seguenti termini e condizioni di pagamento:
2.1
il pagamento del prezzo indicato in fattura dovrà essere effettuato alle condizioni indicate nella fattura stessa;
2.2
qualora l’Acquirente-Consumatore non effettui il pagamento entro il termine indicato al precedente punto 2.1., ovvero entro il diverso termine
eventualmente concordato per iscritto tra le parti, o venga a trovarsi in una situazione di insolvenza o venga sottoposto ad una qualche procedura concorsuale
riconosce al Fornitore il diritto di sospendere o cancellare ulteriori consegne così come riconosce al Fornitore di applicare l’art. 1186 c.c. e, nel caso di pagamenti
dilazionati, di dichiarare decaduto l’Acquirente-Consumatore dal beneficio del termine e richiedere l’intera controprestazione;
2.3
in aggiunta agli altri rimedi consentiti dalla legge applicabile o dalle presenti Condizioni Generali, le parti concordano che gli interessi di mora
sui ritardati pagamenti a decorrere dalla data in cui sia maturato il diritto di pagamento, saranno applicati automaticamente al tasso previsto dal D.L. 231 del 9 Ottobre
2002 pubblicato semestralmente, salvo il risarcimento del maggior danno nel rispetto del Decreto succitato.
Tuttavia, in espressa deroga dell’art. 4 del D.L. 231 del 9 Ottobre 2002, gli interessi di mora nella misura indicata potranno non essere applicati solo a seguito di
comunicazione scritta da parte del Fornitore.
3.
CONDIZIONI DI CONSEGNA
Salvo diverso accordo scritto tra le parti, la fornitura dei Prodotti si intende pattuita EXW (Incoterms 2010), Stabilimento di Grisignano di Zocco, Vicenza.
4.
RISERVA DI PROPRIETA’
L’Acquirente-Consumatore riconosce che la proprietà dei Prodotti non si trasferisce in capo all’Acquirente-Consumatore medesimo fino a quando il prezzo relativo
a tali Prodotti non sia stato interamente pagato. L'Acquirente-Consumatore che, a richiesta del Fornitore, non saldi il prezzo della vendita o non restituisca i beni
invenduti riconosce di essere passibile, oltre che di azione civile, di notizia di reato all'Autorità Giudiziale Penale per appropriazione indebita.
L’Acquirente-Consumatore, sottoscrivendo le condizioni generali di contratto, riconosce espressamente che, nel caso di consegna dei Prodotti a titolo non traslativo della proprietà e senza, pertanto, efficacia reale (ad es. contratto estimatorio, comodato d’uso o “ad pompam”, fornitura in conto deposito) i Prodotti rimangono di proprietà del Fornitore e lo stesso può richiedere l’immediata restituzione “ad nutum” per proprie insindacabili esigenze aziendali. Parimenti L’Acquirente-Consumatore riconosce di assumere gli obblighi ed i rischi del custode dei beni dal momento della consegna; il rifiuto o l’ingiustificato ritardo nella consegna integrano gli elementi costitutivi, oltre che dell’illecito civile, della fattispecie penale di cui all’art. 646 c.p. (appropriazione indebita).Ai sensi dell’art. 11 del D.Lgs. 9.10.2002 n. 231, nel caso di vendita a rate con riserva di proprietà, l’Acquirente-Consumatore contraente si obbliga a sottoscrivere copia di ognuna delle fatture di fornitura successive alla prima recante la dicitura “vendita a rate con riserva di proprietà ex art.1523 c.c. e ad inviarne copia mediante raccomandata al Fornitore (il quale, dal canto suo, provvederà al medesimo incombente).
5.
ACCETTAZIONE DEGLI ORDINI
5.1
Gli ordini dovranno pervenire solo per iscritto con allegate le sopra riportate condizioni generali di vendita debitamente firmate e si intenderanno tacitamente accettati dal fornitore ove non vengano respinti da quest’ultimo con comunicazione scritta entro 45 giorni dalla data di sottoscrizione (per brevità “termine “)..
5.2
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 1.329 comma 1 Codice Civile l’acquirente si obbliga a mantenere fermo l’ordine fino alla scadenza del termine.
5.3
Cataloghi, listini prezzi e altro materiale promozionale inclusa la c.d. pubblicità on-line, costituiscono soltanto una indicazione del tipo di prodotti e di prezzi e le informazioni ivi indicate non sono impegnative per il Fornitore.
6.
VALUTA DI FATTURAZIONE
A meno che non sia diversamente precisato, tutti i prezzi indicati in qualsivoglia documento e corrispondenza emessa dal Fornitore si intendono in Euro, al netto di IVA e comprensivi di eventuali scatole, materiale pubblicitario e materiale utilizzabile per la corretta presentazione dei Prodotti, anche qualora detto materiale venga inviato a parte rispetto ai Prodotti.
7.
TERMINI DI CONSEGNA
Fermo restando che il Fornitore farà tutto quanto in suo potere per eseguire il contratto e/o consegnare i Prodotti entro i termini eventualmente concordati, il Fornitore e l’Acquirente-Consumatore riconoscono concordemente che detti termini si intenderanno indicativi e non tassativi e pertanto in nessun caso il Fornitore potrà essere chiamato a rispondere dei danni direttamente o indirettamente causati dalla ritardata esecuzione o dalla ritardata consegna dei Prodotti.
8.
ACCETTAZIONE DEI PRODOTTI
8.1 Tutti i reclami per danni conseguenti al trasporto o per eventuali quantità mancanti o difformità rispetto ai Prodotti ordinati, se e in quanto i termini di consegna espressamente pattuiti tra il Fornitore e Acquirente siano diversi da quelli di cui al precedente art., dovranno essere comunicati con raccomandata con ricevuta di ritorno entro 8 (otto) giorni lavorativi dalla data in cui l’Acquirente abbia effettivamente ricevuto e preso in consegna i Prodotti consegnatigli e, comunque, non oltre otto giorni dalla scoperta. Le parti concordano che non verrà riconosciuto valore probatorio a diversa forma di contestazione.
8.2
Qualora entro detto termine non sia stato presentato alcun reclamo i Prodotti si intenderanno accettati dall’Acquirente.
8.3 In ogni caso l‘Acquirente non potrà esimersi dall’adempimento delle proprie obbligazioni eccependo l’inadempimento totale o parziale del Fornitore.
9.
OBBLIGHI DELL’ACQUIRENTE PER LA RIVENDITA DEI PRODOTTI
9.1
L’Acquirente agirà in maniera indipendente, acquistando i Prodotti dal Fornitore e rivendendoli in nome e per conto proprio esclusivamente al consumatore finale.
9.2
L’Acquirente commercializzerà, pubblicizzerà e venderà i Prodotti in accordo con le linee guida in tema di commercializzazione, pubblicità e vendita di volta in volta emesse dal Fornitore; applicherà i prezzi consigliati dal Fornitore; non altererà o modificherà il confezionamento originale dei Prodotti, il materiale pubblicitario o il materiale per l’esposizione dei Prodotti predisposti dal Fornitore; sottoporrà alla preventiva approvazione del Fornitore qualsiasi iniziativa promo-pubblicitaria relativa ai Prodotti, inclusa la c.d. pubblicità on-line dei Prodotti.
9.3
L’Acquirente commercializzerà i Prodotti utilizzando il marchio del Fornitore. A tal fine il Fornitore garantisce all’Acquirente il diritto non esclusivo di utilizzare il marchio del Fornitore che è, e rimarrà, di esclusiva proprietà del Fornitore.
9.4
Fatto salvo quanto diversamente convenuto tra il Fornitore e l’Acquirente, quest’ultimo non potrà in alcun modo utilizzare il marchio del Fornitore o altri nomi simili per la registrazione di “domain name” o siti internet o ancora home pages, per la loro distribuzione e/o vendita. Parimenti e fatto salvo quanto diversamente convenuto per iscritto tra il Fornitore e l’Acquirente, quest’ultimo non potrà utilizzare o inserire il marchio del Fornitore e/o i Prodotti in propri siti internet e/o home pages a scopi di distribuzione e/o vendita.
10.
LEGGE APPLICABILE E MODALITA’ DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE
10.1 L’Acquirente-Consumatore riconosce che tutti i contratti con il Fornitore si perfezionano in Italia e che, quindi, è applicabile la legge italiana. Qualsiasi controversia sarà devoluta alla competenza del Tribunale di Vicenza, fermo però restando che il Fornitore, a propria discrezione, avrà l’opzione di rinunciare alla applicazione della legge italiana e alla giurisdizione del Foro di Vicenza, per agire in giudizio nei confronti dell’Acquirente, al suo domicilio e presso il Tribunale ivi competente.
10.2
La Convenzione delle Nazioni Unite per la vendita internazionale di beni mobili non si applica a qualsivoglia fornitura di Prodotti effettuata dal Fornitore all’Acquirente in accordo con le presenti Condizioni.